Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Resta alta la pressione sull'eurozona, che ha incassato una nuova batosta da Standard&Poor's: l'agenzia di rating ha rivisto le prospettive per la Grecia da stabili a negative, e ha l'intenzione di tagliare la valutazione di alcune banche spagnole, tra cui Banco Popular e Bankia.

Tra l'incudine della condizionalità Ue e il martello dei mercati, Madrid si è quindi messa a spingere per accedere ai 30 miliardi di euro di aiuti d'emergenza messi da parte dall'eurozona per il suo settore bancario in difficoltà. E le voci di un imminente salvataggio hanno fatto volare in borsa proprio il titolo di Bankia, schizzato a +13% in un mercato negativo.

A Bruxelles, però, non è pervenuta finora nessuna richiesta formale di attivazione di questi aiuti che, prima di essere versati, dovranno ricevere l'approvazione da parte di Commissione Ue e Bce, più i paesi dell'eurozona. I tempi stimati per l'operazione, che - ha sottolineato un portavoce della Commissione - dovrà comunque fare seguito a una "richiesta fondata e quantificata" della Banca centrale spagnola, sarebbero di "massimo una o due settimane".

Le modalità, gli istituti beneficiari e l'ammontare esatto del prestito d'urgenza (massimo 30 miliardi sui 100 già stanziati dall'Eurogruppo, la cui prima tranche ufficiale è attesa a ottobre dopo i risultati degli stress test) dipenderanno dai termini della richiesta del governo spagnolo.

Sul fronte greco, la situazione si è ancora increspata. Dopo le pressioni del Fmi per tagliare ulteriormente il debito greco, S&P ha emesso previsioni tutt'altro che rassicuranti: Atene potrebbe aver bisogno di ulteriori aiuti per il 2012 e, secondo le stime dell'agenzia di rating, il debito greco raggiungerà il 170% nel 2013 con un Pil in calo del 10-11% nel 2012-2013, rispetto al 4-5% previsto da Ue e Fmi.

Bruxelles mantiene quindi alto il pressing sulla Grecia. La troika resterà infatti tutto settembre ad Atene con l'obiettivo di finalizzare le misure pari a 11,5 miliardi di tagli, di cui mancano all'appello 4.

L'intenzione è quella di presentare un "solido" pacchetto complessivo all'Eurogruppo in programma l'8 ottobre. "L'intenzione politica", assicurano a Bruxelles, è lavorare per mantenere la Grecia dentro l'euro. In questo senso andrebbero quindi interpretate le parole del presidente dell'Eurogruppo Jean-Claude Juncker, che ieri aveva definito l'uscita di Atene dalla moneta unica "gestibile" ma "non auspicabile".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS