Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Centinaia di manifestanti sono partiti oggi, da diverse località dell'Ungheria, in undici "cortei della fame", rivendicando pane e lavoro sugli striscioni della loro protesta.

Si tratta in gran parte di disoccupati, senza alcuno reddito fisso: i sussidi di disoccupazione sono infatti erogati soltanto per tre mesi.

Dopo circa 200 chilometri di marcia complessivi, distribuiti in diverse tappe, i manifestanti arriveranno nella capitale, Budapest, davanti al Parlamento, l'11 febbraio, per l'apertura della sessione dell'assemblea.

Secondo le statistiche, attualmente in Ungheria, circa 3 milioni (e cioè il 30% della popolazione) vivono in condizioni di povertà, cioè al di sotto del 40% del livello medio. Molti cortei della fame sono accompagnati da deputati socialisti.

Il partito di governo Fidesz ha qualificato i cortei "una campagna socialista". Secondo il portavoce del partito, i poveri sono diventati poveri durante i governi dei socialisti (2002-2010) che oggi strumentalizzano la loro situazione.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS