Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Crisi subprime: UBS si aspetta perseguimento negli Usa

Nuova vertenza in vista per il numero uno bancario elvetico negli Usa.

KEYSTONE/MELANIE DUCHENE

(sda-ats)

UBS si aspetta di essere perseguita dal Dipartimento statunitense della giustizia (DoJ) in merito a cause civili relative alla vendita di titoli legati ai prestiti immobiliari detti subprime, che furono all'origine della crisi finanziaria scoppiata nel 2008.

UBS ha indicato ieri in un comunicato di essere stata informata della prevista azione civile, che dovrebbe essere inoltrata al più presto oggi. La causa riguarda titoli ipotecari risalenti al 2006 e 2007. UBS afferma che le accuse sono infondate e giuridicamente inammissibili. Il DoJ per ora non si è espresso pubblicamente sulla vicenda.

Nell'ambito di una vertenza dello stesso tipo, Credit Suisse aveva dovuto sborsare 5,28 miliardi di dollari (5,25 miliardi di franchi al cambio attuale), somma stabilita in un accordo con il DoJ, che in cambio aveva rinunciato a perseguire il numero due bancario elvetico.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.