Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il centrodestra all'opposizione ha ottenuto un minimo vantaggio alle elezioni politiche in Croazia, ma non tale da poter formare da solo il futuro governo.

Quest'ultimo dipenderà dai negoziati post-elettorali e dalla scelta su chi appoggiare di una nuova formazione centrista che ieri è diventata la terza forza politica del Paese.

La coalizione guidata dall'Unione democratica croata (Hdz, conservatori) e Tomislav Karamarko ha ottenuto 59 deputati, su un totale di 151 che compongono il parlamento di Zagabria.

I socialdemocratici del premier uscente, Zoran Milanovic, sono fermi a 56 mandati, ai quali però vanno sommati altri tre della Dieta democratica istriana (Ids, regionalisti) che tradizionalmente appoggiano il centrosinistra e che negli ultimi quattro anni hanno fatto parte del governo. In questo modo si arriva a una totale parità tra le due principali coalizioni che già ieri hanno fatto aperture al partito Most (Il Ponte) che con 19 deputati, a sorpresa, diviene l'ago della bilancia.

Il Ponte, formato alcuni mesi fa da sindaci e intellettuali di vari profili ideologici che chiedono riforme in tutti i settori della società, in particolare nell'economia, è una incognita per gli analisti. Il loro leader, Bozo Petrov, 37enne sindaco di una cittadina in Dalmazia, è considerato un conservatore, più vicino alla destra, ma altre personalità forti elette ieri potrebbero preferire una coalizione con Milanovic.

L'incertezza si protrarrà dunque anche nei prossimi giorni nei quali entrambi i principali leader tenteranno di formare una maggioranza capace di governare. Ma la stampa di Zagabria non esclude neanche un governo di minoranza oppure nuove elezioni anticipate già a gennaio.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS