Navigation

Crollo viaggiatori per Jungfraubahn, situazione difficile

Non c'è ressa in cima allo Jungfraujoch. KEYSTONE/ANTHONY ANEX sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 02 settembre 2020 - 11:00
(Keystone-ATS)

Si presenta assai difficile la situazione per Jungfraubahn, la società bernese che gestisce la ferrovia della Jungfrau e diversi impianti di risalita nella regione.

Nei primi sei mesi l'impresa ha trasportato sullo Jungfraujoch 100'600 persone e si è vista confrontata con il periodo di inattività più lungo dalla Prima Guerra mondiale.

Il crollo dell'affluenza sul luogo faro delle Alpi bernesi è stato del 79% su base annua, emerge dalle informazioni pubblicate oggi dall'impresa, che è quotata in borsa. In luglio e agosto gli arrivi sono stati 153'000: un numero che va peraltro messo in relazione con il più di un milione di turisti - per il 70% asiatici - accolti nel 2019 nell'area pubblicizzata come "Top of Europe". La clientela svizzera e dei paesi vicini non riesce insomma a compensare l'assenza di cinesi, indiani, coreani e giapponesi.

Il primo semestre si è chiuso con una perdita - la prima nella storia dell'azienda - che sfiora i 12 milioni di franchi, a fronte di un utile di 24 milioni della prima parte del 2019. Nel frattempo l'impresa ha potenziato gli impianti (progetto V-Bahn). Ma in tempi di coronarvirus anche la stagione sciistica si annuncia ben diversa dal solito.

Alla testa del consiglio di amministrazione (Cda) viene ora chiamato un uomo con esperienza: Heinz Karrer, già Ceo di Axpo e presidente del Cda di Kuoni. Attualmente è presidente di Economiesuisse, la federazione delle imprese elvetiche: lascerà l'incarico a fine settembre, vale a dire dopo il voto sull'iniziativa dell'UDC per porre un freno all'immigrazione, che ha impegnato molto l'organizzazione.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.