Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'Associazione svizzera degli impiegati di banca (asib) si rammarica per l'accelerazione del programma di risparmio di Credit Suisse. L'organizzazione chiede trasparenza, in particolare verso i dipendenti, sulle misure che intende prendere.

La banca ha reso noto oggi l'accelerazione dell'annunciato taglio di 4000 posti di lavoro a livello mondiale. Secondo indicazioni dello scorso ottobre, 1600 impieghi verranno soppressi in Svizzera.

Questa situazione porta a grande insicurezza nel personale elvetico, si legge in un comunicato odierno. Il timore è che, a differenza di quanto inizialmente annunciato, i tagli vengano fatti senza aspettare le fluttuazioni naturali, e che si arrivi quindi a licenziamenti di massa, sottolinea l'asib.

Gli impiegati devono essere informati e dovono poter disporre di alternative. Per questo motivo è necessario aprire delle trattative. La banca, continua l'associazione, deve agire in maniera socialmente sostenibile e sfruttando le fluttuazioni naturali.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS