Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Le centrali nucleari elvetiche non devono essere disattivate dopo 45 anni di attività: dopo il Consiglio nazionale anche gli Stati hanno espresso - con 30 voti a 12 e 1 astensione - parere negativo nei confronti di un'iniziativa popolare dei Verdi

Il testo, intitolato "Per un abbandono pianificato dell'energia nucleare", è pronto per le votazioni finali.

Questa modifica costituzionale prevede lo spegnimento di tutti i reattori dopo 45 anni di impiego, ossia al massimo nel 2029: sarebbero interessati gli impianti argoviesi di Beznau II e Leibstadt, nonché quello ubicato nel canton Soletta di Gösgen.

Un anno dopo l'eventuale accettazione dell'iniziativa, dovrebbe essere chiusa la centrale di Beznau I (AG), la più vecchia in attività al mondo. Mühleberg, a Berna, verrà tolta dalla rete nel 2019.

Stiamo vivendo una situazione paradossale: è proibito costruire nuove centrali, perfezionate, ma continuiamo a usarne di vetuste, come Beznau I, la più vecchia del mondo, ha affermato invano Robert Cramer (Verdi/GE). Oltretutto "oggi le centrali sono tecnicamente fallite: vendono la loro energia meno cara di quello che costa la produzione e toccherà alla collettività pagare il conto."

L'iniziativa pone tre problemi fondamentali, ha replicato il "senatore" Beat Vonlanthen (PPD/FR), tra l'altro presidente della Conferenza dei direttori cantonali dell'energia. Con l'abbandono del nucleare non sarebbe possibile diminuire le emissioni di CO2, l'approvvigionamento di energia sarebbe messo in pericolo e ci sarebbero elevati rischi finanziari.

Secondo la consigliera federale Doris Leuthard la via per l'uscita dal nucleare è stata tracciata. "Se adottassimo l'iniziativa non saremmo pronti con le energie rinnovabili: dovremmo importare energia dall'estero prodotta con il carbone".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS