Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

CSt: "senatori" meno generosi su promozione energie rinnovabili

BERNA - Affrontando, a livello di divergenze, la revisione della legge sull'energia, la camera dei cantoni è stata oggi meno generosa rispetto al Nazionale quanto alla promozione delle energie rinnovabili. Benché i "senatori" abbiano deciso di aumentare il supplemento pagato ai produttori, essi non hanno voluto sopprimere la chiave di ripartizione del ricavato tra i vari tipi di tecnologia, in particolare per incoraggiare il fotovoltaico. Il dossier ritorna alla camera del popolo.
Come il Nazionale, i "senatori" hanno deciso di aumentare, a partire dal 2013, il supplemento percepito per finanziare la retribuzione della corrente iniettata prodotta a partire da energie rinnovabili. Il supplemento massimo consentito - attualmente fissato a 0,6 al kWh - passerebbe a 0,9 centesimi al KWh.
Diversamente dalla camera del popolo, quella dei cantoni ha tuttavia respinto la proposta di modificare la chiave di ripartizione dei ricavi tra i vari tipi di energie pulite, contro il parere di alcuni deputati, come l'ecologista ginevrino Robert Cramer.
Gli Stati non hanno nemmeno voluto modificare la regolamentazione attuale circa la restituzione ai grossi consumatori di elettricità di una parte del supplemento. Respinta anche la proposta di Pankraz Freitag (PLR/GL) di destinare il 10% del supplemento alla ricerca.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.