Navigation

CSt: 1 miliardo per correzione del Rodano

Il Rodano nei pressi di St-Maurice (VS) KEYSTONE/LEANDRE DUGGAN sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 05 dicembre 2019 - 09:28
(Keystone-ATS)

Dopo il Nazionale in settembre, oggi anche gli Stati hanno approvato senza opposizioni lo stanziamento di un miliardo di franchi a favore della seconda tappa della terza correzione del Rodano per gli anni 2020-2039. Il dossier è così pronto per le votazioni finali.

Il piano prevede in particolare l'allargamento del fiume, il cui letto sarà abbassato in determinati tratti, nonché un rafforzamento degli argini. L'obiettivo è di migliorare la sicurezza contro le inondazioni sui 160 chilometri del percorso del fiume. I nuovi lavori permetteranno di proteggere 100'000 persone e di prevenire possibili danni materiali dell'ordine di 10 miliardi di franchi nei cantoni Vallese e Vaud, ha ricordato il relatore commissionale Beat Rieder (PPD/VS).

Le prime correzioni del Rodano, realizzate tra il 1860 e il 1890 e in seguito tra il 1930 e il 1960, non soddisfano infatti più i requisiti attuali. Per questo motivo è stata decisa una terza correzione

Per la realizzazione della prima tappa, l'Assemblea federale ha approvato nel 2009 un credito di 169 milioni di franchi, volto a finanziare le misure urgenti, in particolare a Visp (VS), e la pianificazione di quelle successive. Il credito giunge a scadenza nel 2019 e sarà sostituito dalla seconda tappa che sarà appunto dotata di 1,022 miliardi di franchi.

Il contributo chiesto dal governo si basa sulla legge federale sulla sistemazione dei corsi d'acqua. È destinato a coprire il 62% dei costi complessivi. Oltre all'Ufficio federale dell'ambiente (protezione contro le piene) partecipa al finanziamento anche quello delle strade (protezione dell'autostrada). I costi rimanenti sono a carico dei Cantoni: il Vallese parteciperà con 379 milioni di franchi, il canton Vaud con 87 milioni.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.