Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Confederazione dovrebbe versare quasi 148 milioni di franchi in favore della protezione dell'ambiente su scala mondiale per il periodo 2015-2018. Anche il Consiglio degli Stati ha approvato oggi un credito in tal senso con 30 voti a 5 e 7 astensioni.

Il Nazionale lo aveva già fatto in marzo, Il dossier è così pronto per le votazioni finali.

Con lo stanziamento di questo credito quadro, la Svizzera ribadisce il suo impegno nella lotta contro i problemi ambientali, ha detto a nome della commissione Didier Berberat (PS/NE), sottolineando che si tratta di rispettare il mandato costituzionale e ribadire uno degli obiettivi della politica estera elvetica .

La comunità internazionale ha deciso di aumentare di 230 milioni i finanziamenti per il Fondo globale per l'ambiente (FAG) per il periodo 2015-2018, portandoli a un totale di 4,43 miliardi di dollari. L'importo stanziato dalla Svizzera è praticamente lo stesso di quello versato per il periodo 2011-2014 (148 milioni di franchi).

La maggior parte delle risorse (circa 125 milioni) confluirà, come in passato, nel FAG. Il restante denaro verrà attribuito al Fondo per l'ozono e a due Fondi per il clima, che serviranno a finanziare progetti specifici per la protezione dell'ambiente.

Istituito nel 1991 dopo il Vertice della Terra di Rio per finanziare progetti di salvaguardia ambientale, il FAG ha già investito oltre 13 miliardi di dollari in oltre 3200 progetti in 140 paesi.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS