Navigation

CSt: ammontare canone radio-tv non va fissato da parlamento

Questo contenuto è stato pubblicato il 16 dicembre 2010 - 12:54
(Keystone-ATS)

BERNA - Il Consiglio federale continuerà stabilire autonomamente l'importo del canone radiotelevisivo. Rifiutando tacitamente una mozione di Natalie Rickli (UDC/ZH), il Consiglio degli Stati ha infatti rifiutato oggi di attribuire questa competenza al parlamento.
La proposta era stata approvata di misura in giugno dal Nazionale. La minaccia di un aumento del canone aveva infatti convinto i deputati a sostenere la mozione. Nel frattempo, il Consiglio federale ha però respinto la richiesta di aumentare la tassa così come chiesto dalla SSR, ha ricordato Claude Hêche (PS/JU), a nome della commissione.
Per i "senatori", trasferire al parlamento tale competenza metterebbe in pericolo l'indipendenza del settore radio e TV rispetto allo Stato. Contribuirebbe anche a "politicizzare inutilmente" il problema del canone.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?