Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

CSt: banche sistemiche non vanno penalizzate fiscalmente

Non penalizzare le banche sistemiche

KEYSTONE/WALTER BIERI

(sda-ats)

Le banche che rappresentano un rischio sistemico ("too big to fail", TBTF) non devono essere penalizzate fiscalmente quando emettono particolari strumenti finanziari destinati a rafforzare il capitale proprio dell'istituto.

Dopo il Nazionale, anche il Consiglio degli Stati ha adottato un disegno di legge volto a rafforzare i fondi propri dei grandi istituti. Il dossier è così pronto per le votazioni finali.

Attualmente in Svizzera cinque banche di rilevanza sistemica sono sottoposte a particolari disposizioni ai sensi della legislazione in materia di vigilanza: UBS, Credit Suisse, Banca cantonale di Zurigo, Raiffeisen e PostFinance.

Le banche "too big to fail" sono tenute a detenere sufficienti fondi propri affinché, in caso di crisi, non debbano essere salvate con i soldi dei contribuenti. Questo obbligo potrebbe portarle a emettere strumenti finanziari come obbligazioni "bail-in", obbligazioni "write-off" e Cocos ("Contingent Convertibles").

A partire dall'inizio del 2020, secondo le prescrizioni della FINMA - l'autorità di sorveglianza dei mercati finanziari - tali emissioni dovranno essere fatte dalla casa madre che trasferirà i fondi ottenuti alle società del gruppo che hanno bisogno di fondi propri. In questo modo, si garantisce un aumento della stabilità della piazza finanziaria svizzera.

Per la società madre, tuttavia, questo modo di procedere comporta un onere più elevato derivante dall'imposta sull'utile applicata ai ricavi da partecipazioni, perché riduce la deduzione per partecipazioni. Un aumento delle imposte si traduce in una diminuzione del capitale proprio, e ciò è in contrasto con gli obiettivi della legislazione TBTF.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.