Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

CSt: banconote, termine 20 anni per cambio va mantenuto

Secondo gli Stati il limite di 20 anni per cambiare le vecchie banconote va mantenuto.

KEYSTONE/GAETAN BALLY

(sda-ats)

Il limite temporale di 20 anni per la sostituzione delle vecchie banconote va mantenuto anche in futuro. Lo ha deciso oggi il Consiglio degli Stati affrontando la revisione della Legge federale sull'unità monetaria e i mezzi di pagamento (LUMP).

Il dossier va al Nazionale. La Banca nazionale svizzera (BNS) emette nuove serie di banconote ogni 15-20 anni. Essa ritira poi i vecchi tagli. Sei mesi dopo, questi ultimi non hanno più corso legale, ma possono tuttavia essere scambiati presso la BNS al loro valore nominale per 20 anni.

Il progetto del Consiglio federale prevedeva la possibilità di scambiare le vecchie banconote senza limiti di tempo per i pezzi emessi tra il 1976 e il 1979 (sesta serie, compreso il famoso mille franchi con le formiche o i cento franchi col ritratto di Francesco Borromini) e per la serie successiva. Ma il plenum ha preferito rimanere alla prassi attuale.

Fino alla quinta serie, l'importo corrispondente alle banconote non cambiate è stato versato in un fondo di copertura dei danni non assicurabili causati da eventi naturali (Fondo di soccorso svizzero danni della natura e non assicurabili o Fondssuisse). Il governo avrebbe voluto privarlo di questi soldi in futuro. Durante la procedura di consultazione, l'intenzione dell'esecutivo è stata oggetto di critiche, tra l'altro dal PS e dal PPD. Alcuni cantoni, come Ginevra e il Vallese, che non hanno un'assicurazione obbligatoria per gli edifici, ne patirebbero.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.