Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Affrontando il preventivo 2016 della Confederazione, il Consiglio degli Stati ha respinto oggi di misura - 23 voti a 21 - un aumento dei mezzi finanziari destinati all'esportazione di prodotti agricoli trasformati da 67,9 milioni di franchi a 94,6 milioni.

Per la maggioranza, i mezzi destinati all'export di prodotti agricoli trasformati, la cosiddetta "legge cioccolato", bastano e avanzano.

La ministra delle finanze Eveline Widmer-Schlumpf ha ricordato che il 45% del sostegno governativo va a vantaggio di due grandi aziende, aziende che hanno le spalle abbastanza larghe per sopportare la concorrenza internazionale. L'obiettivo è di ridurre a tappe questa voce di bilancio.

Per 25 voti a 19, i "senatori" hanno anche respinto la proposta di Stefan Engler (PPD/GR) di aumentare da 52,6 milioni a 55 milioni circa il contributo pubblico a Svizzera turismo. Engler ha motivato questa sua proposta individuale appellandosi alle difficoltà che sta attraversando questo settore a causa dell'apprezzamento del franco.

Per 23 voti a 18, la Camera dei cantoni ha respinto un'altra proposta Engler per un incremento - da 21,4 milioni a 22,4 milioni - dei mezzi destinati alla promozione delle esportazioni.

Il "senatore" Isidor Baumann (PPD/UR) ha tentato, invano, di risparmiare l'agricoltura dai previsti tagli nei pagamenti diretti. A suo avviso, se si risparmia in questo settore molti contadini rischiano di rimanere letteralmente senza liquidità, specie quelli che hanno investito nell'ammodernamento delle rispettive aziende.

La maggioranza ha giudicato invece che una diminuzione del credito dello 0,2% rispetto all'anno scorso sia sopportabile. Il credito previsto per i pagamenti diretti rimane quindi di 2,7 miliardi: la proposta Baumann di innalzare questa somma di 61,1 milioni è stata bocciata per 21 voti a 19.

Rispetto alla versione dell'Esecutivo, la Camera dei cantoni ha deciso di concedere 2 milioni di franchi, invece di 1,2 milioni, alle organizzazioni che si occupano del sostegno alle famiglie (sostegno extrascolastico, migliore conciliazione casa-lavoro).

Con questa modifica, il preventivo 2016 uscito dai dibattiti odierni è pressoché identico a quello presentato dal Governo (+800 mila franchi nella versione dei "senatori"). Il deficit previsto dal Consiglio federale per l'anno prossimo è di 403 milioni, che si riducono a 258 milioni grazie ad entrate straordinarie.

Il dossier va al Consiglio nazionale che già questa settimana si metterà al lavoro. Visti i rapporti di forza, non è improbabile che la destra conceda maggiori mezzi al settore agricolo. La commissione preparatoria ha infatti raccomandato un aumento di 61 milioni per i pagamenti diretti e di 26,7 milioni per l'export di prodotti agricoli trasformati.

Approvato supplemento budget 2015, più soldi per asilo

Il Consiglio degli Stati ha anche approvato il secondo supplemento - 290 milioni - al preventivo 2015 chiesto dal Consiglio federale. Questa somma include 207 milioni di franchi per il settore dell'asilo (31,2 milioni sono destinati all'aiuto umanitario in Siria e nel Corno d'Africa).

Tale somma comprende anche 51,7 milioni per uscite diverse, in particolare per il militare (22 milioni) e per il settore tecnologia e innovazione (20 milioni).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS