Navigation

CSt: indennità licenziamento, no ad aliquote preferenziali

Questo contenuto è stato pubblicato il 06 marzo 2012 - 13:14
(Keystone-ATS)

Le indennità versate in caso di licenziamento non vanno tassate con un'aliquota preferenziale. Per 24 voti a 13, la Camera dei cantoni ha respinto due iniziative parlamentari in tal senso di Didier Berberat (PS/NE) e Raphaël Comte (PLR/NE).

Per Comte, se è chiaro che le indennità sostanziose - come certi "paracadute dorati" versati a manager di punta - debbano venir imposte a tasso pieno, tale pratica rischia di avere effetti perversi quando sono in gioco somme ben più modeste.

Il socialista Berberat ha fatto l'esempio di un'indennità - pari a 6 mesi di salario per esempio - versata a un disoccupato. Tale somma rischia di provocare un forte incremento dell'imposizione a causa del sistema progressivo.

Appellandosi all'equità, la maggioranza non ha però seguito questo ragionamento. Tali indennità, ha detto Martin Schmid (PLR/GR) a nome della commissione, godono già di una tassazione preferenziale se vengono rispettate determinate condizioni, in particolare se hanno carattere previdenziale.

Per Schmid non è quindi il caso di introdurre soluzioni discriminatorie nei confronti degli altri salariati o di coloro che ricevono la disoccupazione. Inoltre spetta ai cantoni preoccuparsi che salari e indennità modeste non vengano eccessivamente tassate.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?