Navigation

CSt: non vuole esenzione canone radio-tv per le imprese

Per Stefan Engler (PPD/GR), è prematuro abolire il canone radio-tv per le imprese KEYSTONE/ALESSANDRO DELLA VALLE sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 17 dicembre 2019 - 12:54
(Keystone-ATS)

Le aziende non devono essere esentate dal pagamento del canone radio-tv. Con 20 voti contro 14 e 1 astenuto, il Consiglio degli Stati non ha dato oggi seguito a un'iniziativa parlamentare di Gregor Rutz (UDC/ZH) accettata in settembre dal Nazionale.

Per la maggioranza dei "senatori", non è opportuno apportare già adesso nuove modifiche a un sistema di riscossione in vigore soltanto dallo scorso primo gennaio, ha spiegato il relatore commissionale Stefan Engler (PPD/GR). Il sistema non ha neppure potuto essere valutato.

Inoltre, ha aggiunto il popolare-democratico grigionese, l'abolizione del canone per le imprese creerebbe mancati introiti per 170 milioni di franchi e i media ne patirebbero. Spetterebbe allora ai nuclei domestici passare alla cassa per colmare le perdite.

Di tutt'altro avviso il democentrista zurighese. Al Nazionale aveva sostenuto che le aziende non dovrebbero pagare la tassa di ricezione e ciò per evitare una doppia imposizione. I proprietari e i dipendenti delle imprese pagano infatti già il canone come persone fisiche. A nulla è valso oggi il sostegno in aula del suo collega di partito Hannes Germann (UDC/SH).

Durante i dibattiti al Nazionale, diversi parlamentari avevano ricordato che tre quarti delle aziende sono già esentate dal canone, quindi l'iniziativa andrebbe solo a vantaggio delle grandi società. Il Consiglio federale farà in ogni caso il punto della situazione sul nuovo sistema alla metà del 2020.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.