Navigation

CSt: Tarmed, più competenze al Consiglio federale

Questo contenuto è stato pubblicato il 08 dicembre 2011 - 10:50
(Keystone-ATS)

Spetterà al Consiglio federale adattare il sistema tariffario Tarmed se medici e casse malattia non arrivano a trovare un accordo. Il Consiglio degli Stati ha approvato oggi un'iniziativa parlamentare in questo senso.

La proposta è stata elaborata dalla Commissione della sanità del Nazionale dopo aver preso atto del rapporto del Controllo federale delle finanze (CDF) sul sistema di tariffe per le prestazioni ambulatoriali di medici e ospedali. Il testo, pubblicato nel novembre 2010, affermava che Tarmed si fonda su "basi di calcolo lacunose e obsolete" e che invece di ridurre le differenze di reddito tra medici generalisti e professionisti le ha fatte ulteriormente lievitare.

Tarmed, in vigore dal 2004, ha sostituito il sistema precedente, che prevedeva tariffe cantonali differenziate. Il tariffario è stato costantemente aggiornato, ma non ha ancora subito una revisione di fondo a causa di divergenze fra assicuratori e medici. La proposta adottata oggi permette al Consiglio federale di modificare la struttura delle tariffe delle prestazioni mediche se i partner non arrivano a trovare un accordo. Una simile disposizione era contenuta nel cosiddetto "pacchetto Couchepin", una serie di misure destinate a contenere l'evoluzione del costi nel settore dell'assicurazione malattia, bocciate dalle Camere in votazione finale nell'autunno dello scorso anno.

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?