Navigation

CSt: tassazione coppie sposate, progetto rinviato al CF

Se il Consiglio nazionale si allineerà agli Stati, il ministro delle finanze Ueli Maurer dovrà riprendere daccapo il progetto sull'abolizione della penalizzazione fiscale delle coppie sposate KEYSTONE/ANTHONY ANEX sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 16 settembre 2019 - 18:25
(Keystone-ATS)

L'abolizione della penalizzazione fiscale del matrimonio è lungi dall'essere risolta. Il Consiglio degli Stati ha deciso di rinviare al Governo il progetto rielaborato dopo l'annullamento del voto sull'iniziativa del PPD riguardante l'imposizione dei coniugi.

La maggioranza - chiede al Consiglio federale di proporre modelli fiscali alternativi.

I dibattiti alla Camera dei cantoni si preannunciavano tesi sin dall'inizio: da una parte, i gruppi PPD e UDC volevano abolire la penalizzazione fiscale del matrimonio limitando il più possibile le perdite fiscali per le casse dello Stato. Dall'altro, PLR e sinistra volevano altri modelli, come quello in vigore nel canton Vaud o quello secondo un'imposizione individuale.

Alla fine i "senatori" hanno seguito - con 25 voti contro 18 - la proposta di rinvio di Thomas Hefti (PLR/GL), sostenuta dalla sinistra. Il Consiglio federale è quindi incaricato di esaminare altri sistemi, con una preferenza per quello di imposizione individuale.

Secondo Christian Levrat (PS/FR), in commissione - dove il progetto governativo aveva ottenuto una maggioranza risicata - non si è riusciti a trovare un compromesso soddisfacente. Per la sinistra, la riforma del Consiglio federale è inoltre troppo costosa e non prende sufficientemente in considerazione i cambiamenti in atto nella società, gli ha fatto eco Anita Fetz (PS/BS).

Obiettivo: abolire penalizzazione

Il relatore commissionale Pirmin Bischof (PPD/SO) ha tentato invano di convincere il plenum ad aderire al progetto: l'obiettivo dell'intero esercizio è abolire la penalizzazione fiscale del matrimonio limitando il più possibile le perdite fiscali, ha sottolineato il popolare-democratico solettese. A suo avviso, il compromesso proposto è accettabile.

Anche il ministro delle finanze Ueli Maurer ha tentato - inutilmente - di impedire il rinvio, spiegando che occorreranno anni prima di trovare una soluzione. "Tutti i pro e i contro sono già stati esaminati almeno una volta dal Parlamento. E sarà difficile trovare una soluzione migliore", ha aggiunto il consigliere federale.

Spetterà ora al nuovo Consiglio nazionale esprimersi sulla proposta di rinviare il dossier al Consiglio federale. Attualmente alla Camera del popolo PPD e UDC avrebbero avuto i numeri per opporvisi, ma è difficile sapere se assieme potranno ancora avere una maggioranza dopo le elezioni federali.

1,4 milioni di persone

La votazione del 28 febbraio 2016 sull'iniziativa PPD "Per il matrimonio e la famiglia - No agli svantaggi fiscali per le coppie sposate" era stata annullata dal Tribunale federale a causa di un "errore grossolano" nel numero di coppie interessate dalla modifica costituzionale. Nelle spiegazioni di voto, il Consiglio federale aveva parlato di circa 80 mila coppie sposate con due redditi penalizzate dal sistema attuale. La cifra effettiva, rivelata due anni dopo, è invece di 454 mila coppie.

Nel suo progetto di riforma, il Governo stima complessivamente in 700'000 le coppie penalizzate fiscalmente dal matrimonio (ovvero 1,4 milioni di persone, pari al 12% della popolazione residente in Svizzera). I dati esposti, secondo l'esecutivo, si basano comunque su ipotesi e sono caratterizzati da forte incertezza.

Se queste penalizzazioni dovessero essere eliminate, secondo le più recenti stime ci sarebbero minori entrate a titolo di imposta federale diretta pari a circa 1,5 miliardi di franchi. Di questi, circa 1,2 miliardi sarebbero a carico della Confederazione e 300 milioni ai cantoni.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.