Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'AVANA - Hanno preso il via oggi a Cuba le procedure per il licenziamento di 500.000 statali nel corso del 2011, come anticipato due settimane fa dal presidente Raul Castro che, parlando ai membri del Parlamento, ha avvertito che con questo ed altri passi volti a una svolta del modello economico "ci si gioca la vita della Rivoluzione".
Lo ha reso noto il settimanale 'Trabajadores', precisando, che, per ora, i primi ministeri interessati sono quelli dell'industria dello zucchero, dell'agricoltura, dell'edilizia, della sanità e del turismo.
Secondo 'Trabajadores', il governo si propone di eliminare definitivamente 146.000 posti di lavoro statali, mentre altri 351.000 funzionari saranno ricollocati come lavoratori non dipendenti, almeno 100.000 dei quali dovranno invece puntare ad inserirsi nelle 178 attività private previste. Anche se secondo quanto ha denunciato "Granma", la burocrazia intralcia le procedure per ottenere le relative licenze, non manca chi si è già mosso in tal senso.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS