Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Continua il silenzio, da parte del governo, sul numero ufficiale di morti registrati a Cuba a seguito di un'epidemia di colera scatenatasi nelle ultime settimane nella zona est dell'isola, in particolare a Manzanillo, municipio di 130 mila abitanti a oltre 800 km dalla capitale.

Mentre le autorità sanitarie hanno confermato il rafforzamento di azioni mediche e igieniche nella regione, il ministero della Sanità ha finora comunicato appena tre casi fatali. Una versione smentita dai media stranieri e da alcuni dissidenti del regime castrista, che parlano invece di decine di vittime e di oltre un migliaio di malati. A sua volta, un blogger vicino all'esecutivo di Raul Castro, Yohandry Fontana, ha reso noto su Twitter che l'epidemia "è circoscritta" e che "non esistono casi all'Avana".

Era da oltre un secolo che il pericoloso virus gastrointestinale non riappariva a Cuba. Intanto è scattato l'allarme anche in Messico: gli aeroporti di Merida e Cancun sono stati allertati per prendere le misure necessarie nei confronti di chi arriva dall'isola.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS