Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il grancosigliere basilese Mustafa Atici (PS), contattato dalle famiglie dei curdi domiciliati a Basilea e arrestati in Turchia.

KEYSTONE/LUKAS LEHMANN

(sda-ats)

Tre curdi domiciliati a Basilea e politicamente attivi in Svizzera sono stati arrestati in Turchia. Non è chiaro quali siano le accuse nei loro confronti. Secondo il grancosigliere Mustafa Atici (PS) uno di essi è stato liberato ed è tornato in Svizzera.

Il Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) ha confermato oggi che un uomo con doppia nazionalità svizzera e turca è stato arrestato. Secondo Atici, l'uomo è stato fermato a fine aprile all'arrivo all'aeroporto di Istanbul. Le informazioni era state rivelata dalla "Basler Zeitung" e da "Schweiz am Wochenende".

Il DFAE sta cercando di far liberare le persone poste in custodia. Per la Turchia però la Confederazione non ha nulla a che vedere con gli arrestati. "Le autorità di Ankara considerano le persone con doppia nazionalità svizzera e turca come cittadini turchi unicamente" e il DFAE non sempre riesce a garantire l'aiuto consolare.

Le autorità svizzere ufficialmente non sono a conoscenza degli altri due casi. I due curdi, uno domiciliato a Basilea e uno a Frenkendorf (BL), vivono in Svizzera da decenni con il permesso C ma non sono naturalizzati.

Entrambi sono stati arrestati in Anatolia, a Kahramanmaras, uno il 10 aprile, l'altro fra il 16 e il 20 aprile, ha detto Atici. Uno di essi è stato rilasciato ed ha potuto fare ritorno a Basilea. L'altro si trova ancora in prigione in Turchia. Mustafa Atici è venuto a conoscenza dei casi solo perché le famiglie si sono rivolte a lui e ad altri politici per chiedere aiuto.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS