Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

ROMA - La scoperta di un 'anello mancante' tra l'uomo e le scimmie potrebbe rivoluzionare la comprensione di come ci siamo evoluti. Gli scienziati, infatti, credono che lo scheletro fossilizzato di due milioni di anni di un bambino, in Sudafrica, che sarà mostrato per la prima volta giovedì, è quello di una specie completamente nuova che si trova in una fase intermedia tra i nostri antenati scimmia e l'uomo moderno.
Ciò, secondo gli scienziati, potrebbe aiutarci a rompere uno dei grandi misteri del nostro albero evolutivo - esattamente quando l'uomo cominciò a camminare su due piedi. La scoperta è descritta sull'edizione on-line del Daily Mail.
Mentre la maggior parte dei reperti finora trovati sono poco più che sparsi frammenti di ossa e denti, l'ultima scoperta è uno scheletro quasi completo.

SDA-ATS