Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Corte Suprema avrebbe tutte le carte in regola per occuparsi della National Security Agency (Nsa). Lo hanno detto due giudici del celebre 'club dei Nove', Antonin Scalia e Ruth Bader Ginsburg, nel corso di un evento pubblico, rispondendo a una domanda.

A loro giudizio la Corte è legittimata a dire la sua circa la legalità del controverso programma di sorveglianza della prima agenzia di intelligence Usa, rivelato dalla talpa Edward Snowden. Al momento, non emergono altri dettagli. Tuttavia, in giro, nelle varie corti locali americane, già da tempo ci sono tanti ricorsi pendenti avanzati da privati nei confronti della Nsa, e quindi, in ultima analisi dell'amministrazione Obama.

Del resto, già lo scorso dicembre, un giudice federale, della Corte di Washington Dc, ha dichiarato probabilmente illegale il programma. E ora si aspetta l'appello.

SDA-ATS