Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Una costellazione di sette astri che vanno a formare un fulmine, ricreando nel cielo quel celebre lampo di genio diventato iconico con l'album "Aladdin Sane". È l'omaggio che non poteva mancare per onorare David Bowie.

La dedica all'uomo delle stelle è stata fatta da parte della celebre radio rock fiamminga Studio Brussel in collaborazione con il Mira, il più vecchio osservatorio pubblico del Belgio.

Gli astronomi hanno individuato le sette stelle vicino a Marte, il pianeta caro al genio musicale che gli ha dedicato la hit "Life on Mars?", nella posizione del giorno della sua morte: Sigma Librae, Spica, SAO 204 132, Zeta Centauri, SAO 241 641, Delta Octantis e Beta triangulum autrini. La nuova costellazione, che in gergo astronomico è in realtà un asterismo, ovvero un gruppo di stelle visibili per la luminosità e la forma geometrica che creano, non ha di per sé valore scientifico ufficiale ma solo simbolico, trattandosi di una frontiera artificiale demarcata nel cielo.

"Non è stato facile determinare le sette stelle", ha spiegato l'astronomo del Mira Philippe Mollet, raccontando che "Studio Brussel ci ha chiesto di trovare" all'artista britannico deceduto il 10 gennaio all'età di 69 anni "un posto unico nella galassia". Così, "facendo riferimento ai suoi album abbiamo scelto": la nuova costellazione "si situa vicino a Marte, riprende la forma del suo trucco iconico a forma di fulmine" ed "è stata registrata all'ora esatta della sua morte".

Chiunque voglia rendere omaggio al creatore di "Ziggy Sturdust" può andare sul sito del progetto belga http://stardustforbowie.be/ e, nello spazio della volta celeste compreso nel fulmine delineato dalle sette stelle, sceglierne un'altra a cui associare la propria canzone preferita di Bowie e lasciare un messaggio.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS