Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

In arrivo importanti novità per i pensionati.

KEYSTONE/GAETAN BALLY

(sda-ats)

Restrizioni al prelievo di capitale del secondo pilastro, per evitare il ricorso alle prestazioni complementari (PC). È quanto prevede la riforma approvata oggi dal Consiglio degli Stati, con 31 voti favorevoli e 12 astensioni.

Il dossier comporta misure di risparmio, ma anche un aumento dei contributi per pagare gli affitti destinati redditi più bassi.

Il progetto - che mira a risparmiare 300 milioni - prevede che i pensionati non possano più prelevare il capitale della porzione obbligatoria della previdenza professionale, ma solo gli averi di quella sovra obbligatoria. Il plenum ha accolto questa limitazione con 27 voti a 14.

Un terzo dei beneficiari di PC ha già prelevato il suo secondo pilastro, ha fatto notare Pirmin Bischof (PPD/SO), sostenendo che sia normale limitarne l'accesso. Secondo una minoranza di PLR e alcuni UDC e PPD, questa misura è invece esagerata.

Nel suo progetto, il governo intendeva impedire il prelievo anticipato della parte obbligatoria in caso di avvio di un'attività lucrativa indipendente. Queste operazioni comportano un elevato rischio di perdita del capitale di previdenza, per esempio in caso di fallimento dell'impresa, ha sostenuto invano il consigliere federale Alain Berset.

La Camera non lo ha seguito ritenendo, con 32 voti a 10, di non voler penalizzare gli indipendenti. Questi ultimi devono poter prelevare l'equivalente della somma risparmiata a 50 anni. Chi volesse acquistare una casa potrà continuare a far capo al secondo pilastro.

Sostegno per affitti

Gli Stati hanno voluto fare un gesto nei confronti di pensionati e invalidi con reddito basso inserendo nella riforma, con 27 voti a 14, un aumento degli aiuti per pagare l'affitto. L'ammontare delle PC verrebbe adeguato all'aumento delle pigioni: 21% fra il 2001 e il 2014.

La misura risponde a una richiesta delle associazioni di anziani e disabili, che hanno sottolineato come le prestazioni siano rimaste invariate dal 2001. All'epoca il denaro ricevuto permetteva di coprire l'86% degli affitti, contro il 70% oggi. Per le famiglie, i tassi di copertura sono ancora inferiori e non rispettano il mandato costituzionale.

Nelle città la situazione è difficile e questi aumenti saranno accolti con favore, ha rilevato il consigliere federale Alain Berset, sostenendo che nulla cambierà nei cantoni dove gli affitti sono più bassi.

In dettaglio, una persona sola riceverà fra 14'520 e 16'440 franchi, a seconda della regione in cui vive. Se il nucleo famigliare è composto da più persone, è previsto un supplemento di 3000 franchi per il secondo individuo, fra i 1800 e i 2160 franchi per il terzo e tra 1560 e 1920 franchi per il quarto.

Alcuni deputati socialisti hanno criticato la misura, considerando che non tenga conto sufficientemente delle differenze regionali. Il PLR e il PPD avrebbero preferito un aumento minore. Per finire il plenum ha scelto la soluzione del governo.

Casse malattia meno care

I "senatori" hanno anche deciso, con 24 voti a 20 che i beneficiari di PC dovranno assicurasi presso le tre casse malattia meno care. La sinistra, alcuni deputati PPD e Werner Hösli (UDC/GL) hanno criticato questi risparmi, attuati sulle spalle dei più deboli.

"Questo rimedio è peggio del male", ha sostenuto Liliane Maury Pasquier (PS/GE), temendo un aumento dei premi di cassa malattia se tutti i beneficiari di PC dovranno scegliere gli assicuratori meno cari.

Con 28 voti a 13 la maggioranza ha pure deciso di abbassare le franchigie applicate alla sostanza complessiva, portandole da 37'500 a 30'000 franchi per le persone sole e da 60'000 a 50'000 franchi per i coniugi.

Il disegno degli Stati riduce le economie di 40 milioni di franchi rispetto al progetto del governo, ma i cantoni dovrebbero dal canto loro risparmiare 123 milioni supplementari.

La Camera ha infine accolto tacitamente un postulato che incarica il governo di esaminare, in una prossima riforma, la possibilità di tener conto interamente dei premi di cassa malattia nel calcolo delle PC.

Il dossier va al Nazionale.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS