Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

NEW YORK - Per cooperare meglio con i paesi del G20, una trentina di piccoli stati, tra cui la Svizzera, ha avanzato ieri delle proposte all'ONU a New York e vuole ottenere che il segretario generale Ban Ki-moon sia invitato a tutte le riunioni del G20. Dal canto suo il presidente dell'Assemblea Generale, il friburghese Joseph Deiss, auspica riunioni all'ONU prima e dopo ogni vertice del G20.
A margine dell'Assemblea generale dell'ONU, il gruppo per la gouvernance globale, che durante il Forum economico mondiale di Davos si è dato il nome di 3G, ha tenuto il terzo incontro ministeriale. Vi fanno parte circa 30 stati, tra cui la Svizzera, che non sono nel G20: si sforzano di stabilire un rapporto costruttivo tra G20 e ONU, ha spiegato all'ATS il rappresentate della Svizzera, l'ambasciatore Alexandre Fasel.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS