Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il bilancio è positivo: lo ha dichiarato l'ex ambasciatrice svizzera a Teheran Livia Leu, a capo di una delegazione diplomatica ed economica che ha visitato l'Iran negli scorsi tre giorni. "La Svizzera è ben posizionata per sviluppare gli scambi con questo paese".

La condizione è che venga raggiunto un accordo sul nucleare iraniano e che siano revocate le sanzioni internazionali. "Sono ottimista, ha detto Livia Leu in una conversazione telefonica con l'ats. Non siamo mai stati così vicini a un'intesa".

La Svizzera ha sempre avuto buona reputazione in Iran e ne ha fatto uso quando per 35 anni ha svolto il ruolo di intermediario tra Teheran e gli Stati Uniti. "Anche la nostra neutralità è molto apprezzata".

"L'Iran è un mercato molto interessate" e l'economia elvetica ha alcuni punti a suo favore. "Ma come gli altri paesi occidentali dovrà ancora trovare e occupare il proprio posto".

Livia Leu è stata ambasciatrice a Teheran dal 2009 al 2013; da allora è delegata agli accordi commerciali presso la Segreteria di stato dell'economia (SECO). Quella appena conclusa è la prima visita economica in Iran degli ultimi dieci anni.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS