Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Ci sono troppi abusi in Svizzera nell'utilizzo della denominazione di origine protetta e di altre indicazioni alimentari. Lo denuncia l'Associazione di chimici cantonali, che ha realizzato uno studio su 963 operatori.

Nel 38% delle ispezioni sono state constatate non conformità alla legislazione vigente, rilevano gli autori, che in una nota odierna parlano di "bilancio non soddisfacente".

Gli abusi sono emersi in relazione a 313 prodotti, rilevano i chimici cantonali, secondo cui i settori interessati devono applicare le esigenze di legge "in modo molto più attento e disciplinato".

La carne secca del Vallese IGP e la Damassine DOP sono stati i prodotti elvetici con più contestazioni di non conformità. Per quanto riguarda gli alimenti provenienti dall'Ue, il maggior numero di abusi hanno riguardato il Parmigiano Reggiano, la Feta e il Prosciutto di Parma.

Gli organismi di controllo si sono interessati a 1145 derrate alimentari svizzere o europee che beneficiano di un marchio DOP (Denominazione di origine protetta), IGP (Indicazione geografica protetta) o delle designazioni "Montagna" o "Alpe".

Tutte le regioni del Paese, così come il Liechtenstein, hanno partecipato alla campagna. I controlli hanno interessato aziende che preparano, trasformano, (re)imballano o ri(etichettano) derrate, ossia esercizi pubblici, panetterie, macellerie e caseifici, aziende di commercio all'ingrosso, grandi distributori, dettaglianti e mercati.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS