Tutte le notizie in breve

Il luogo dell'incidente del 13 agosto 2014, a poco più di un chilometro dalla stazione di Tiefencastel (GR).

Keystone/ARNO BALZARINI

(sda-ats)

Il deragliamento di un treno della Ferrovia Retica (RhB) avvenuto nell'agosto del 2014 nei pressi di Tiefencastel (GR), che ha causato un morto e 10 feriti, era "imprevedibile", ma ha portato alla luce la difficoltà del sistema di allarme.

È quanto conclude il Servizio d'inchiesta svizzero sulla sicurezza (SISI) nella conclusione della sua indagine sull'accaduto.

Il 13 agosto del 2014, poco dopo le 12.30, un convoglio delle RhB di sette carrozze con circa 150 persone a bordo era stato investito da una frana nei pressi della chiesa di Mistail, a poco più di un chilometro ad ovest dalla stazione di Tiefencastel in direzione di Alvaschein. Tre vagoni erano usciti dai binari e uno era scivolato lungo un ripido pendio irto di abeti, che fortunatamente lo hanno bloccato una ventina di metri più in basso. Otto persone erano rimaste ferite in modo grave. Una di loro era deceduta nove giorni dopo in ospedale.

I responsabili della ferrovia non hanno alcuna colpa dell'accaduto, poiché l'incidente "è da ricondurre a uno smottamento non prevedibile, durante il passaggio del treno", si legge nel rapporto del SISI pubblicato oggi. Una mezz'ora prima un altro convoglio aveva percorso lo stesso tratto senza notare nulla di anormale.

Per contro, rileva il rapporto, immediatamente dopo l'incidente sono sorte difficoltà nel dare l'allarme. Il macchinista ha dapprima provato invano via radio e poi con il cellulare. L'uomo è riuscito a stabilire un contatto telefonico solo dopo avere camminato per circa 150 metri in direzione di Thusis.

Il SISI ha poi consigliato alla compagnia grigionese di far sì che si possa lanciare l'allarme in ogni momento e da tutti i punti dei circa 400 chilometri della sua rete ferroviaria.

L'incidente ha d'altro canto rivelato un deficit di sicurezza relativo ai materiali. Nella carrozza caduta nel pendio si sono staccati lunghi pezzi della copertura del soffitto; pezzi di alluminio del peso di sei chili con bordi taglienti che possono ferire i passeggeri.

Il SISI scrive che l'Ufficio federale dei trasporti dovrebbe riesaminare le prescrizioni per questo genere di rivestimento, che non dovrebbe staccarsi nemmeno in caso di forti scossoni.

L'incidente di Tiefencastel è costato alle RhB 1,1 milioni di franchi, fra le spese di salvataggio e il ripristino dell'infrastruttura ferroviaria e del materiale rotabile.

SDA-ATS

 Tutte le notizie in breve