Navigation

Detenuti in Svizzera stabili poco sotto i 7000

Il numero dei detenuti in Svizzera è rimasto stabile l'anno scorso. KEYSTONE/ENNIO LEANZA sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 11 maggio 2020 - 11:43
(Keystone-ATS)

Alla fine di gennaio 6906 persone, pari a una diminuzione inferiore all'1% su base annua, si trovavano incarcerate in Svizzera. Il 93,5% dei 7390 posti di detenzione disponibili era quindi occupato, indica oggi l'Ufficio federale di statistica (UST).

Negli ultimi anni, il numero di posti esistenti nelle prigioni è rimasto stabile. Questo nonostante il totale delle strutture nella Confederazione sia sceso: ora sono un centinaio.

Sull'insieme dei carcerati, 401 (il 5,8%) erano donne, riferiscono gli ultimi dati aggiornati dell'UST. Due terzi dei reclusi (66,2%) stava scontando una pena o una misura, mentre il 27,5% era dietro le sbarre in regime di detenzione preventiva o per motivi di sicurezza. Il restante 6,3% si trovava in prigione per altre, non specificate, ragioni.

Nel corso del 2019 l'insieme delle persone private della libertà ha passato in detenzione 2,5 milioni di giorni. In altre parole, lo scorso anno in Svizzera erano incarcerati mediamente 6845 individui ogni giorno, una cifra in calo dell'1,9% rispetto al 2018.

Il tasso di stranieri registrato (69,6%) è stato il più basso da 15 anni a questa parte. Sette galeotti su dieci dunque non hanno passaporto elvetico. Solo il 5,6% di essi era in prigione a causa di misure coercitive ai sensi della Legge federale sugli stranieri e la loro integrazione (LStrl).

Nel 2019, le incarcerazioni in relazione a questa legge sono state circa 5400, in flessione del 3,4% nel paragone con l'anno precedente. Le persone interessate hanno totalizzato 99'067 giorni di prigione, ovvero una durata media di 18 giorni a testa.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.