Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Didier Burkhalter, presidente di turno dell'Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE), ha appreso con "sollievo" la liberazione dei quattro osservatori ancora detenuti nell'est dell'Ucraina. Il consigliere federale ha auspicato che si tratti dell'inizio di un miglioramento della situazione in questa regione.

Ciò consentirebbe alla Missione speciale d'osservazione (SMM) di estendere al massimo il suo mandato e di rafforzare il suo ruolo di presenza internazionale nel Paese, ha sottolineato il presidente della Confederazione in un comunicato diffuso dall'OSCE.

Attraverso la sua missione d'osservazione, l'OSCE è pronta a contribuire all'attuazione sul terreno del piano di pace presentato dal presidente ucraino Petro Porochenko, ha aggiunto Burkhalter.

Il capo della diplomazia elvetica ha peraltro sottolineato il lavoro "senza sosta" della missione dell'OSCE per permettere agli osservatori di ritrovare la libertà. Ha inoltre ringraziato tutti gli attori che hanno sostenuto l'Organizzazione.

SDA-ATS