Navigation

Didier Burkhalter a Vienna per rafforzare relazioni privilegiate

Questo contenuto è stato pubblicato il 19 gennaio 2012 - 18:59
(Keystone-ATS)

Svizzera e Austria hanno confermato oggi le loro "privilegiate" relazioni in occasione della visita ufficiale del consigliere federale Didier Burkhalter a Vienna, visita prevista per domani e anticipata di un giorno all'ultimo momento. I due paesi intendono proseguire la loro collaborazione e trovare sinergie in particolare nell'ambito consolare, multilaterale, nell'aiuto allo sviluppo e nella ricerca.

L'Austria, come vuole la tradizione, è il primo paese in cui si reca il nuovo responsabile del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE), ha indicato all'ats il portavoce dello stesso DFAE Jean-Marc Crevoisier. Qui Burkhalter ha incontrato il vicecancelliere e ministro degli affari europei e internazionale Michael Spindelegger per un colloquio e una cena di lavoro.

I due ministri, felicitandosi della buona collaborazione dei rispettivi ministeri, hanno espresso la volontà di portarla avanti e persino di rafforzarla.

I due paesi cooperano già in particolare in Kosovo per due progetti che mirano all'incoraggiamento delle Piccole e medie imprese e al sostegno delle minoranze Rom nell'ovest del Paese.

A proposito di formazione e ricerca, Burkhalter e Spindelegger hanno evocato le iniziative "flagship" (fiore all'occhiello) dell'Unione europea, dei progetti maggiori d'incoraggiamento alla ricerca. Bruxelles deve scegliere nei prossimi mesi due progetti su sei in competizione. Tra questi ultimi figurano anche due progetti svizzeri.

La collaborazione continua anche in ambito consolare. La Svizzera assicura servizi consolari per l'Austria in alcuni paesi (Santo Domingo, Kosovo, Georgia, Colombia) e Vienna in cambio in altri (Albania, Croazia, Bulgaria).

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?