I dimagranti importati illegalmente attraverso internet possono essere pericolosi. Lo afferma l'Istituto svizzero per gli agenti terapeutici Swissmedic, che ha fatto analizzare 61 prodotti, provenienti soprattutto dall'Estremo Oriente.

I tre quarti contenevano principi attivi non dichiarati e la metà sibutramina, una sostanza ritirata dal commercio in tutto il mondo. Nei prodotti erano inoltre presenti antidolorifici, antinfiammatori e antidepressivi.

"Dai risultati di queste analisi emerge che i prodotti pubblicizzati come dimagranti provenienti da fonti non controllate possono essere molto pericolosi", afferma Swissmedic in un comunicato.

L'omologazione di medicamenti a base di sibutramina, ricorda l'Istituto, è stata sospesa nel marzo del 2010 a causa del possibile rischio di effetti collaterali gravi.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.