Navigation

Direttore UFAG: nessun bisogno di attingere a scorte Confederazione

Il direttore dell'Ufficio federale dell'agricoltura (UFAG) Christian Hofer è soddisfatto della risposta del settore all'emergenza coronavirus (foto d'archivio) KEYSTONE/CHRISTIAN BEUTLER sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 28 maggio 2020 - 09:40
(Keystone-ATS)

La catena alimentare in Svizzera ha resistito e nonostante l'assalto ai supermercati da parte dei consumatori all'inizio della crisi, non è stato necessario attingere alle scorte di cibo obbligatorie della Confederazione.

Lo ha indicato il direttore dell'Ufficio federale dell'agricoltura (UFAG) Christian Hofer, sostenendo che l'emergenza sanitaria ha ricordato l'importanza di una produzione alimentare elvetica.

La Svizzera rimarrà comunque dipendente dall'estero anche nel settore agroalimentare, poiché nella Confederazione "non disponiamo di abbastanza superfici produttive per nutrire la popolazione a lungo termine", ha spiegato Hofer in un'intervista al quotidiano romando "Le Temps".

Gli agricoltori elvetici dall'oggi al domani hanno tuttavia acquisito un'importanza sistemica, ha aggiunto il direttore dell'UFAG, secondo cui il settore ha resistito con successo allo choc ed esce rafforzato da questa crisi legata al coronavirus.

Secondo Hofer, il rischio di penuria di prodotti alimentari era soprattutto di natura logistica, poiché le scorte non sono mai mancate.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.