Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Ad un anno dalla sentenza della Corte di Giustizia Ue su diritto all'oblio, che garantisce il diritto a vedere cancellati sui motori di ricerca i link a notizie su una persona ritenute "inadeguate o non più pertinenti", Google ha rimosso oltre 320 mila link.

Big G ha ricevuto 254 mila richieste e ha valutato l'eliminazione di 922 mila link, rifiutandola nel 58,7% dei casi. Le domande inoltrate dall'Italia sono state meno di 20 mila, mentre è Facebook il sito più colpito a livello Ue. Sono questi i dati aggiornati dalla compagnia di Mountain View.

Dal rapporto emerge che gli italiani non si preoccupano molto della propria reputazione online. Dal 29 maggio 2014, quando la società ha iniziato a raccogliere le domande di rimozione, sono 19'126 le richieste inoltrate, inerenti a 65'856 link. Google ne ha respinte il 72,4%. Sul fronte opposto si trovano i francesi con oltre 50 mila richieste e 174 mila link coinvolti, di cui il 48% è stato cancellato. I tedeschi hanno inoltrato 43 mila richieste su 164 mila link e sono stati accontentati nel 48,9% dei casi; gli inglesi 32 mila richieste su 126 mila link, ottenendo risposta positiva nel 37,6% dei casi.

Tra i siti più colpiti il primo è Facebook con 6'805 link rimossi. Tra gli altri social network, Google+ è al sesto posto con 2'856 e Twitter al nono con 2'572. I link cancellati a video su YouTube sono poco meno di 4 mila.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS