Navigation

Discariche munizioni: nessun problema per i laghi

Le discariche di munizioni nei laghi di Thun, Brienz e dei Quattro Cantoni non creano influssi negativi alle acque. KEYSTONE/ALEXANDRA WEY sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 19 maggio 2020 - 09:42
(Keystone-ATS)

Le discariche di munizioni nei laghi di Thun, Brienz e dei Quattro Cantoni non creano influssi negativi alle acque. È quanto emerge dal monitoraggio effettuato dal Dipartimento federale della difesa (DDPS), che fa riferimento a campioni prelevati nell'estate 2019.

Fino alla metà del 20esimo secolo l'esercito ha gettato munizioni ed altri elementi in diversi laghi svizzeri. Era prassi comune smaltire le munizioni in questo modo, viene ricordato in un comunicato odierno. Una valutazione dei pericoli svolta nel 2012 ha portato a un monitoraggio dei laghi interessati tra il 2012 e il 2016, prassi che è poi proseguita negli anni successivi.

In occasione dei prelievi effettuati nel 2019 sono stati asportati dai fondali dei rispettivi laghi campioni di sedimenti di circa 1,5 metri di lunghezza che sono poi stati esaminati in laboratorio. I campioni sono stati, tra l'altro, controllati per verificare la presenza di esplosivi (come TNT e nitroglicerina) e metalli pesanti (come piombo e mercurio).

Nella grande maggioranza dei campioni di sedimenti non è stato possibile rinvenire concentrazioni oltre il limite di rilevabilità. Soltanto in alcuni casi sono state rinvenute tracce di esplosivi provenienti dalle discariche. Le concentrazioni si situano comunque significativamente sotto i valori limite ed erano attese, visto l'elevato numero di discariche di questi laghi.

Il potenziale di sostanze nocive rimane comunque elevato. Per questo motivo il DDPS, il Canton Berna e l'autorità di vigilanza del lago dei Quattro Cantoni hanno deciso di proseguire anche in futuro il monitoraggio.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.