Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La norma penale contro il razzismo va completata per rendere punibili anche le discriminazioni basate sull'orientamento sessuale e sull'identità di genere (foto simbolica d'archivio).

KEYSTONE/EPA ANSA/GIORGIO ONORATI

(sda-ats)

La norma penale contro il razzismo va completata per rendere punibili anche le discriminazioni basate sull'orientamento sessuale e sull'identità di genere.

Lo ha proposto la Commissione degli affari giuridici del Nazionale (CAG-N) che ha posto in consultazione un progetto in tal senso.

La revisione del Codice penale è stata elaborata in adempimento ad una iniziativa parlamentare di Mathias Reynard (PS/VS). Le proposte della CAG-N si spingono oltre l'atto parlamentare del vallesano che chiedeva unicamente di completare l'articolo 261bis con i criteri dell'orientamento sessuale.

In una nota, la commissione afferma di ritenere che, per quanto riguarda i crimini di odio e le discriminazioni, "le persone transessuali e intersessuali siano spesso confrontate con difficoltà simili a quelle contro cui lottano gli omosessuali e i bisessuali". Per questo motivo ha proposto di considerare anche l'identità di genere.

La CAG-N ricorda che la legislazione attuale non consente di combattere le affermazioni omofobe espresse in termini generali. Un gay o una lesbica non possono per esempio avvalersi dell'infrazione all'onore nei suoi confronti per affermazioni discriminatorie indirizzate alla comunità omosessuale.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS