Navigation

Disoccupazione: aumentata a 3,3% in dicembre in Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato il 08 gennaio 2013 - 08:55
(Keystone-ATS)

Il tasso di disoccupazione è aumentato in dicembre in Svizzera, passando dal 3,1% di novembre al 3,3%. Per l'insieme del 2012 esso si è fissato al 2,9%, contro il 2,8% del 2011. Lo ha indicato stamane la Segreteria di stato dell'economia (SECO) in una nota.

Lo scorso mese c'erano 8099 persone senza lavoro in Ticino e 2114 nei Grigioni. Nel canton Ticino il tasso è salito al 5,0% in dicembre, dal 4,8 di novembre, mentre nei Grigioni è rimasto stabile all'1,9%. Rispetto al dicembre 2011 c'è stato un aumento dello 0,3% in Ticino e dello 0,1% nei Grigioni.

Il cantone con il tasso più alto di senza lavoro in dicembre è Neuchâtel, con il 5,4% (+0,4), seguito da Ginevra con il 5,3% (+0,1). Anche Vaud e Vallese fanno peggio del Ticino, con un tasso del 5,1%.

La SECO rileva che il valore del 2012 si colloca tra i primi tre migliori risultati degli ultimi dieci anni e sottolinea il fatto che, nonostante il franco forte e il clima economico estremamente teso sui mercati internazionali, il mercato del lavoro elvetico ha "resistito bene per la maggior parte dell'anno".

Secondo il sondaggio svolto dalla Segreteria, alla fine di dicembre erano iscritti 142'309 disoccupati presso gli uffici regionali di collocamento (URC), ossia 10'242 in più rispetto al mese precedente. Rispetto allo stesso mese dell'anno precedente, il numero di disoccupati è aumentato di 11'647 unità (+8,9%).

Il numero di giovani disoccupati (15-24 anni) è aumentato di 651 unità (+3,3%) arrivando al totale di 20'350, il che corrisponde a 1'492 persone in più (+7,9%) rispetto allo stesso mese dell'anno precedente.

Complessivamente le persone in cerca d'impiego registrate erano 196'898, 8'587 in più rispetto al mese precedente e 11'192 (+6,0%) in più rispetto al corrispondente periodo dell'anno precedente.

Il numero dei posti vacanti annunciati presso gli URC è diminuito di 2'154 raggiungendo 13'722 unità.

Nel mese di ottobre 2012 - scrive ancora la SECO in una nota - sono state colpite dal lavoro ridotto 8'110 persone, ovvero 1'548 in più (+23,6%) rispetto al mese precedente. Il numero delle aziende colpite è aumentato di 61 unità (+10,6%), portandosi a 638. Il numero delle ore di lavoro perse è aumentato di 109'474 unità (+34,3%), portandosi a 428'316 ore. Nel corrispondente periodo dell'anno precedente (ottobre 2011) erano state registrate 259'203 ore perse, ripartite su 5'112 persone in 459 aziende.

Secondo i dati provvisori forniti dalle casse di disoccupazione, nel corso del mese di ottobre 2012, 2'580 persone hanno esaurito il loro diritto alle prestazioni dell'assicurazione contro la disoccupazione.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.