Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il tasso di disoccupazione in Svizzera è salito in agosto al 3,0%, dal 2,9% di luglio. Presso gli uffici regionali di collocamento (URC) erano iscritti 128'434 disoccupati, 1'380 in più rispetto al mese precedente, indica stamane la Segreteria di Stato dell'economia (SECO). Rispetto ad agosto 2013 il numero totale di disoccupati è invece diminuito di 1’522 unità.

In Ticino la proporzione di senza lavoro si è attestata al 3,8% (+0,1 punti nel confronto con luglio) e nei Grigioni all'1,2% (pure +0,1). Il cantone più colpito rimane Ginevra con il 5,4% (senza variazioni), davanti a Neuchâtel (5,2%; +0,1).

L'incremento mensile su scala nazionale si deve in particolare alla crescita della disoccupazione giovanile (15-24 anni): rispetto a luglio l'aumento è stato del 16,0% a 19'316 unità. Nel raffronto con agosto 2103 risulta invece un calo del 4,4%.

Complessivamente le persone in cerca d'impiego registrate erano 179’880, 942 in meno rispetto al mese precedente e 1'249 in meno rispetto al corrispondente periodo del 2013. Il numero dei posti vacanti annunciati presso gli URC è diminuito di 2’127 a 11’113 unità.

La SECO fornisce anche i dati relativi al lavoro ridotto, che si riferiscono allo scorso giugno. Il fenomeno ha interessato 1'604 persone (-21,1% rispetto a maggio) e 181 aziende (-10,8%). Il numero delle ore di lavoro perse è diminuito dell'11,1% a 100'573.

Secondo i dati provvisori forniti dalle casse di disoccupazione, a giugno le persone che hanno esaurito il diritto alle prestazioni dell'assicurazione contro la disoccupazione sono state 2'993.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS