Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il gelo di fine aprile ha distrutto quasi completamente la frutta coltivata nella regione di Basilea. Ci si aspettano perdite per circa 19 milioni di franchi. Il cantone di Basilea Campagna pianifica misure di emergenza.

L'esistenza di molte imprese è a repentaglio, afferma l'ufficio cantonale dell'economia e della salute in un comunicato.

Quest'anno non ci saranno praticamente né ciliegie da tavola né per uso industriale, informa in una nota l'associazione dei frutteti di Basilea Campagna. Da questa regione provengono rispettivamente un terzo e due terzi della complessiva produzione svizzera. Lo stesso vale per le prugne, la cui fetta di mercato corrisponde ad un quarto. Per quanto riguarda le mele ci si aspetta al massimo il 25% del normale raccolto.

Il centro di agricoltura Ebenrain (Landwirtschaftliche Zentrum Ebenrain LZE) di Sissach (BL), in collaborazione con il settore, sta cercando soluzioni per sostenere le aziende agricole. Tra le varie possibilità figurano ad esempio prestiti senza interessi. A tale scopo LZE intende chiedere al cantone di incrementare di due milioni il fondo per gli aiuti alle imprese. Si sta inoltre chiarendo con la Confederazione se le imprese possono introdurre impieghi ad orario ridotto e se per questi è possibile ottenere un sussidio.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS