Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

BERNA - La proposta di introdurre un divieto del burqa in Svizzera continua a far discutere: mentre il consigliere federale Ueli Maurer si dice contrario, la sua collega di governo Eveline Widmer-Schlumpf appare più possibilista.
"In uno Stato liberale, non si deve introdurre una regolamentazione sull'abbigliamento", ha detto Maurer in un'intervista pubblicata oggi dal "SonntagsBlick". Dopo essersi inizialmente mostrata scettica, appare ora più favorevole a un divieto del velo integrale la ministra di giustizia e polizia Eveline Widmer-Schlumpf che, in un'intervista rilasciata al domenicale "Sonntag", ha dichiarato: "nei luoghi pubblici e di fronte alle autorità il volto deve essere riconoscibile".

SDA-ATS