Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

"La Commissione (europea ndr.) sta facendo la valutazione preliminare delle richieste" di Atene e le sottoporrà all'Eurogruppo.

Così il vicepresidente Valdis Dombrovskis riferendosi alle "azioni prioritarie" presentate da Atene - anticipate da Financial Times e Repubblica -, specificando che "attualmente non c'è un programma" e che si deve cominciare il negoziato per uno nuovo.

Per la ristrutturazione del debito greco "c'è sempre stata apertura da parte dell'Eurogruppo, sin da da novembre 2012" e questo "è stato indicato alle autorità greche anche nei recenti round negoziali", ha detto Dombrovskis.

"Il referendum non è veramente valido perché si chiede di votare su un programma che non esiste più e su una proposta vecchia, quindi è più un segnale politico", ha detto il vicepresidente della Commissione.

"La situazione finanziaria della Grecia è molto peggiorata da sabato scorso", ha poi sottolineato Dombrovskis, ricordando che il governo è stato costretto a chiudere le banche e prendere misure per il controllo del movimento di capitali.

Oggi "siamo in una diversa procedura, il programma è scaduto, ora bisogna negoziare un nuovo programma ma prima serve l'ok dell'Eurogruppo a fare un nuovo programma", ha detto il vicepresidente della Commissione, precisando che la Commissione darà ai ministri oggi una valutazione delle 'azioni prioritarie' proposte da Atene ieri.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS