Navigation

Donne manifestano a Zurigo, nonostante il divieto per coronavirus

Marcia per i diritti della donna. KEYSTONE/ENNIO LEANZA sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 07 marzo 2020 - 16:53
(Keystone-ATS)

Alcune centinaia di donne hanno dimostrato oggi a Zurigo contro violenza, sessismo e mancata considerazione del loro lavoro, retribuito e no.

A causa del coronavirus la manifestazione, organizzata alla vigilia della festa internazionale della donna, non era stata autorizzata: visto che si svolgeva tranquillamente è stata però tollerata dalla polizia, scrivono le stesse forze dell'ordine cittadine in un tweet.

In un messaggio successivo la polizia ha però riferito di lanci di sacchetti di vernice e ha invitato i responsabili ad astenersi da queste provocazioni, minacciando in caso contrario di intervenire.

L'appello a dimostrare è giunto dal Frauenbündnis Zürich, che sulla sua pagina internet ha espressamente chiesto ai simpatizzanti di non tener conto del divieto cittadino e della proibizione di eventi con oltre 1000 persone (numero che è stato superato negli anni scorsi) pronunciato dal Consiglio federale per contenere la diffusione del Covid-19. Fino a quando la gente può continuare ad ammassarsi in supermercati, stazioni e treni di pendolari non si vede perché si dovrebbe rinunciare a una marcia all'aperto, argomentava l'associazione.

Complice anche il freddo l'affluenza è stata comunque contenuta. Anche domani dovrebbe tenersi una manifestazione non autorizzata di donne a Zurigo.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.