Navigation

Doris Leuthard riceve ministro belga Melchior Wathelet

Questo contenuto è stato pubblicato il 14 maggio 2012 - 16:11
(Keystone-ATS)

Politica energetica e ruolo della Svizzera nel mercato europeo dell'elettricità: questi i temi discussi oggi a Berna nel colloquio tra la consigliera federale Doris Leuthard e il ministro belga per l'ambiente, l'energia e la mobilità Melchior Wathelet.

I due ministri hanno avuto uno scambio di informazioni sugli attuali sviluppi della politica energetica nei rispettivi paesi. Come la Svizzera, anche il Belgio prevede a medio termine di abbandonare l'energia nucleare e intende disattivare nel 2015 i suoi tre reattori nucleari più vecchi a condizione che la sicurezza dell'approvvigionamento possa essere garantita anche in futuro conformemente a una legge sull'uscita graduale dall'energia nucleare adottata nel 2003.

La dipendenza del Belgio dalle importazioni di energia, e in particolare, di energia di regolazione, è probabilmente destinata a crescere. A questo proposito, il ministro belga si è informato sulle possibilità di accumulazione forzata mediante pompaggio in Svizzera e, a sua volta, ha fornito informazioni sui progetti del Belgio in relazione alle centrali a gas a ciclo combinato.

Dopo i colloqui, l'ospite belga ha visitato l'impianto di accumulazione del Grimsel.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?