Navigation

Dornach (SO): commemorati 200 anni crollo ponte, 40 morti

Questo contenuto è stato pubblicato il 13 luglio 2013 - 17:55
(Keystone-ATS)

Nella ricorrenza di una tragedia avvenuta esattamente 200 anni or sono - era il 13 luglio 1813 - nella località solettese di Dornach è stata posta oggi una placca commemorativa. Quel giorno il ponte di San Nepomuceno, dopo tre giorni di pioggia intensa, crollò, causando la morte di 40 persone che si erano appostate sul ponte per vedere lo spettacolo del fiume Birse in piena.

Il territorio tra Aesch e Münchenstein (BL) si era trasformato in un immenso lago. Tronchi d'albero e ogni sorta di arbusti trascinati dall'acqua erano andati a ostruire il fiume proprio sotto i pilastri del ponte, che minacciava di cedere. E cosi avvenne. Della cinquantina di curiosi che si trovavano lì, solo tredici riuscirono a scamparla. I corpi di tre persone non furono mai ritrovati.

San Giovanni Nepomuceno (1349-1393), è stato un sacerdote ceco, canonico di Praga, e predicatore alla corte di re Venceslao, il quale lo fece uccidere per annegamento. E' patrono della Boemia e di tutte le persone in pericolo di annegamento.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.