Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Droga: agenzia europea "sdogana" le stanze di consumo

L'Agenzia europea delle droghe fa chiarezza su un tema controverso: le stanze di consumo controllato. Questi locali pubblici dove si possono consumare stupefacenti in un ambiente igienico e protetto non sono un luogo pericoloso, ma al contrario portano molti benefici.

In una relazione presentata ieri a Lisbona dall'Agenzia europea, che ha messo a confronto i dati dei 28 Stati membri dell'UE più Turchia (Paese candidato) e Norvegia, si sottolinea che i locali in questione sono utili per la salute della persona che si droga, per avvicinare queste persone alla cura, nonché per rendere più sicuro il quartiere e la città.

Anni fa, esplose la polemica su quelle che vennero all'epoca ribattezzate "stanze del buco" e che oggi, più correttamente, l'Osservatorio di Lisbona chiama "stanze di consumo controllato". Anche perché, laddove queste esperienze già esistono, non vengono utilizzate solo da chi si droga con iniezioni ma anche da le sostanze le fuma o le inala.

Attualmente sono 74 in Europa le strutture di questo tipo, e operano in sei Paesi: Danimarca, Germania, Spagna, Lussemburgo, Paesi Bassi e Norvegia, mentre la Francia ha recentemente approvato una sperimentazione di questo tipo. Altri 12 locali a consumo controllato sono stati aperti e funzionano in Svizzera. Mentre fuori dall'Europa ce ne sono a Sydney (Australia) e a Vancouver (Canada).

Spesso sono stati espressi timori sul fatto che queste strutture possano incoraggiare il consumo di droga, ritardare l'approccio alla cura o aggravare i problemi derivanti dal traffico locale di sostanze stupefacenti.

Ma, sulla base dell'esperienza acquisita, l'analisi dell'Agenzia europea arriva alla conclusione che questi 'locali' riescono a raggiungere i consumatori che non vogliono o non sono pronti a smettere, migliorano le condizioni igieniche e di sicurezza dei consumatori e comportano benefici per la salute e l'ordine pubblico. Inoltre, non ritardano ma anzi facilitano l'accesso alle cure e non provocano un aumento della criminalità locale legata alla droga. Non c'è alcuna evidenza, infine, che l'introduzione di queste stanze incrementi il consumo di droga.

Dal report dell'Agenzia europea emerge, tra l'altro, che un europeo su quattro ha provato una droga illecita nel corso della vita: oltre 80 milioni di adulti. La cannabis resta al top dei consumi con l'1% degli adulti che ne fa uso quotidiano o quasi e aumenta il numero di persone che fanno ricorso alle cure per problemi legati a questa sostanza.

Ancora: l'80% dei sequestri di droga riguarda la cannabis, mentre il suo consumo o possesso per uso personale sono all'origine di più del 60% di tutte le segnalazioni di reati contro le leggi sulle sostanze stupefacenti nell'UE. Inoltre aumenta la produzione nei Paesi europei di marijuana e il sequestro della stessa.

Dati che fanno dire a Benedetto Della Vedova, promotore dell'intergruppo parlamentare per la legalizzazione della cannabis, che la relazione dell'UE è "la conferma, per l'ennesima volta, che la proibizione legale non rappresenta un freno, ma un potentissimo incentivo alla diffusione delle droghe proibite".

Infine, da Lisbona è stato lanciato un allarme: quello sulle nuove droghe. Nel 2014 in Europa ne sono state segnalate 101. Il commissario europeo Dimitris Avramopoulos ha denunciato come Internet stia diventando una nuova fonte di approvvigionamento.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.