Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

AOSTA - La polizia di frontiera al traforo del Gran San Bernardo, tra Italia e Svizzera, ha sequestrato oggi circa 61 chilogrammi di Khat, una droga ottenuta dalle foglie fresche di un arbusto coltivato nel corno d'Africa. Una persona è stata arrestata.
Non sono stati resi noti i dettagli dell'operazione. Secondo quanto si è appreso la droga era nascosta in un furgone in ingresso in Italia.
Il Khat - ribattezzato anche la droga del "disagio sociale" in quanto molto diffusa tra gli immigrati di origine nordafricana - è un arbusto, che viene coltivato in Africa ma cresce anche spontaneamente nella penisola Arabica. Contiene una sostanza psicoattiva chiamata catinone. Gli effetti della sua masticazione sono simili a quelli provocati dall'assunzione di anfetamine e si manifestano dopo tre ore circa dall'assunzione con uno stato di grande euforia.

SDA-ATS