Navigation

Easyjet: attacco hacker, coinvolti dati 9 milioni clienti

Paura per i clienti di Easyjet. KEYSTONE/LAURENT GILLIERON sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 19 maggio 2020 - 15:00
(Keystone-ATS)

Easyjet ha subito un attacco hacker che coinvolge i dati di viaggio di circa 9 milioni di clienti che saranno contattati nei prossimi giorni dalla compagnia low cost.

Dall'indagine interna emerge che per 2208 clienti gli hacker hanno potuto aver accesso ai dettagli della carte di credito. In questo caso la compagnia ha preso già delle azioni per contattare i clienti coinvolti e per offrire un supporto, rende noto la compagnia aerea. L'attacco, sottolinea il vettore aereo inglese, è stato notificato al National Cyber ​​Security Center e all'Ico, l'Information Commissioner's Office, entrambe autorità britanniche.

"Non ci sono prove che informazioni personali di qualsiasi natura siano state utilizzate in modo improprio: tuttavia, su raccomandazione dell'Ico, stiamo comunicando con i circa 9 milioni di clienti i cui dettagli di viaggio sono stati accessibili per avvisarli di misure protettive per ridurre al minimo qualsiasi rischio di potenziale phishing", sottolinea la compagnia low cost.

"Consigliamo inoltre ai clienti di stare attenti a qualsiasi comunicazione che pretenda provenire da easyJet o easyJet Holidays". EasyJet sta contattando direttamente i clienti interessati. Saranno avvisati entro e non oltre il 26 maggio.

"Prendiamo molto sul serio la sicurezza informatica dei nostri server e adottiamo importanti misure di sicurezza per proteggere le informazioni personali dei nostri clienti. Tuttavia si tratta di una minaccia che evolve man mano e gli attacchi informatici sono sempre più sofisticati", sottolinea il Ceo di Easyjet, Johan Lundgren.

"Da quando siamo venuti a conoscenza dell'incidente, è diventato chiaro che a causa di Covid-19 c'è una maggiore preoccupazione per i dati personali che possono essere utilizzati per le truffe online. Di conseguenza, e su raccomandazione dell'Ico, stiamo contattando quei clienti i cui le informazioni di viaggio sono state consultate e si consiglia a loro di restare vigili, in particolare se ricevono comunicazioni indesiderate. Continueremo a investire nella protezione dei nostri clienti, dei nostri sistemi e dei nostri dati", sottolinea Lundgren che si scusa "con quei clienti che sono stati colpiti da questo incidente".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.