Navigation

EasyJet, dal 15 giugno primi voli in Italia

Si torna a salire verso l'azzurro. KEYSTONE/ALESSANDRO DELLA VALLE sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 26 maggio 2020 - 13:00
(Keystone-ATS)

EasyJet riprende a volare in Italia a partire dal prossimo 15 giugno.

Lo annuncia il responsabile della compagnia per l'Italia, Lorenzo Lagorio, spiegando che i primi voli collegheranno tra di loro gli aeroporti italiani di Milano, Palermo, Catania, Bari, Lamezia Terme, Napoli, Olbia e Cagliari. A questi si aggiunge il collegamento internazionale tra Brindisi e Ginevra.

"Siamo molto contenti di poter tornare a volare in Italia anche se inizialmente con un numero ridotto di collegamenti", afferma Lagorio in un comunicato, sottolineando che "il trasporto aereo è un servizio fondamentale e svolgerà un ruolo cruciale nella ripresa dell'economia del Paese".

EasyJet si aspetta di "aumentare progressivamente le rotte man mano che si allenteranno le restrizioni agli spostamenti tra le diverse regioni e all'estero, e in linea con l'andamento della domanda da parte dei clienti".

Durante la chiusura gli aeromobili sono stati mantenuti in modo da "essere pronti a ripartire non appena fosse stato possibile". Inoltre dallo scorso 6 maggio è tornato operativo anche il training centre di Malpensa, dove i piloti hanno ripreso le attività di addestramento.

Per volare sono state adottate "nuove procedure, tra queste l'obbligo di mascherine, la pulizia e sanificazione all'interno degli aeroplani". "Abbiamo sospeso vendite di alimenti e altri prodotti a bordo e abbiamo lavorato in contatto con le autorità internazionali tra cui Easa (Agenzia europea per la sicurezza del trasporto aereo, ndr), che ha emanato apposite linee guida".

Secondo Lagorio "la sanificazione degli interni e l'aria aria che si respira a bordo, sanificata con filtri Hepa che catturano il 99,97% di virus e batteri, rendono l'aereo estremamente sicuro", tenendo conto anche del "ricambio automatico dell'aria ogni 3 minuti".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.