Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Nella settimana fino al 5 aprile ci sono stati solo 30 casi di Ebola in Africa occidentale, il numero più basso da maggio 2014. Lo riporta l'ultimo bollettino dell'Oms, secondo cui è in Guinea che si devono concentrare gli sforzi per il 'colpo finale' all'epidemia.

Secondo il documento dell'Organizzazione mondiale della sanità, in Liberia non si sono registrati nuovi casi, 9 sono stati quelli in Sierra Leone mentre la Guinea ne ha avuti 21, tutti nelle prefetture che circondano la capitale Conakry e nella città stessa.

In totale sono 25'515 i casi registrati dall'inizio dell'epidemia, con oltre 10mila morti. "Le capacità di trattamento ormai superano la domanda in Liberia e Sierra Leone - scrivono gli esperti dell'Oms -, quindi le autorità nazionali stanno iniziando a smantellare le strutture in surplus, mantenendo centri di trattamenti di alta qualità dislocati strategicamente.

In Guinea la situazione più complessa, con un numero di casi identificati post mortem in discesa ma con le notifiche di sepolture non sicure in aumento. L'ultimo caso registrato in Liberia risale al 27 marzo, e attualmente sono monitorate 332 persone potenzialmente infette".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS